News

Covid, Gelli “Serve accelerare con i vaccini”

Covid, Gelli “Serve accelerare con i vaccini”

Con la variante Delta il virus ha ripreso a correre facendo segnare un incremento del 51,5% di nuovi casi nell’ultima settimana. Dati che preoccupano ancor di più alla luce delle notizie che provengono dal Regno Unito dove, proprio a causa della variante, si sta assistendo non solo ad un forte aumento dei contagi ma, soprattutto, ad un incremento del 56,6% delle ospedalizzazioni.

Vai alla news

L’editoriale del presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli

L’editoriale del presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli

Luglio si apre facendo registrare circa 53 milioni di dosi somministrate contro il Covid; il 37% degli italiani ha concluso il ciclo vaccinale. C’è un dato che preoccupa: più di 2 milioni e mezzo tra gli over 60 non ha ancora effettuato neppure una dose di vaccino. Questo potrebbe essere il segnale di una forma di diffidenza verso la vaccinazione tale da indurre ripercussioni importanti,

Vai alla news

Mostarda (Asl Rm 6): “Ecco i tre asset fondamentali per la sanità territoriale del futuro”

Mostarda (Asl Rm 6): “Ecco i tre asset fondamentali per la sanità territoriale del futuro”

“Una volta finita la pandemia, l’auspicio è che non tutto torni come prima. C’è la necessità di un cambiamento dinamico nel governo della salute. Approfondire le criticità, decidere con coraggio e velocemente cambiare per verificare l’opportunità di queste modifiche. E, se necessario, non aver paura di cambiare ancora. A partire dalla salute del territorio”.

Vai alla news

La Casa della Comunità 4.0. Pubblicato il secondo Paper della Fondazione Italia in Salute

La Casa della Comunità 4.0

Pubblicato il secondo Paper della Fondazione Italia in Salute, curato da Federico Gelli e Narciso Mostarda

La pandemia ha messo in evidenza elementi di grande difficoltà nell’organizzazione e capacità di gestione dei pazienti sul territorio. Nel corso dell’ultimo anno abbiamo compreso l’urgente necessità di dover ripensare in maniera radicale l’approccio culturale ed organizzativo dell’assistenza territoriale, aprendo ad un tipo innovativo rispetto a quanto portato avanti sino ad oggi nell’ambito delle diverse regioni.

Vai alla news