L’ex presidente dell’Istituto superiore di Sanità Walter Ricciardi, tornato oggi al ruolo di professore di Igiene all’Università Cattolica di Roma e di Primario del Policlinico Gemelli, è stato nominato presidente del Comitato scientifico della Fondazione Italia in Salute.

Roma, 19 marzo 2019 – L’ex presidente dell’Istituto superiore di Sanità Walter Ricciardi, tornato oggi al ruolo di professore di Igiene all’Università Cattolica di Roma e di Primario del Policlinico Gemelli, è stato nominato presidente del Comitato scientifico della Fondazione Italia in Salute. La Fondazione è nata per promuovere attività di studio e di ricerca in ambito giuridico e medico-scientifico, eventi culturali legati al diritti alla salute, ma anche per elaborare proposte normative e azioni di orientamento delle policy sanitarie pubbliche, sviluppare partnership nazionali, europee e internazionali e creare sinergie con le principali istituzioni di ricerca e policy a livello mondiale.

Già in programma il primo appuntamento pubblico, fissato per il 12 aprile, presso la Camera dei deputati, per la presentazione del primo studio sull’attuazione della legge “Gelli” (L. 24/17)  sulla responsabilità professionale e la sicurezza delle cure, nel quale si farà un primo bilancio a due anni dalla sua approvazione. “Per me è un onore ricoprire questo nuovo incarico e ringrazio il presidente Federico Gelli per questa opportunità. Il nostro Servizio sanitario nazionale è oggi più a rischio che mai, anche se molti sembrano far finta di niente. Se non si interviene presto e bene questa può diventare una tremenda sconfitta civile e sociale.  Per questo ho accettato con entusiasmo questo ruolo. Insieme alle competenze di tutte le personalità di rilievo che faranno parte del comitato scientifico, mi auguro che riusciremo a offrire un servizio importante per lo sviluppo scientifico e sociale del Paese”, commenta Walter Ricciardi.

“Sono molto felice che una personalità con un profilo scientifico di rilievo internazionale come Walter Ricciardi abbia accettato di presiedere il Comitato scientifico della Fondazione. Oggi più che mai c’è bisogno del contributo di tutti per risollevare le sorti del SSN. L’obiettivo che ci siamo prefissati è quello di fornire un quadro della situazione chiaro e risposte adeguate a problematiche molto sentite da operatori e cittadini. Per questo, come primo atto abbiamo commissionato uno studio di fattibilità per l’ottimizzazione della gestione dei tempi delle liste d’attesa e dei PDTA, una mappatura della formazione post universitaria, un’analisi comparativa delle norme di accreditamento delle strutture sanitarie, la progettazione di un sistema informatizzato per la valutazione degli indicatori di rischio in sanità, la definizione di linee guida per le coperture assicurative delle aziende sanitarie ed un’indagine sull’uso dei plasma derivati e il loro recupero per fini umanitari. Sono certo che l’esperienza di Ricciardi potrà portare un grande valore aggiunto al nostro operato”, sottolinea il presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli.

Nel comitato scientifico presieduto da Walter Ricciardi si trovano personalità di rilievo del mondo giuridico e della sanità nazionale: Guido Alpa, professore di Diritto civile presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma “La Sapienza” e presidente emerito del Consiglio Nazionale Forense; Franco Anelli, Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore; Claudio Cricelli, Presidente Società Italiana Medicina Generale (SIMG Firenze); Alessandra De Palma, Direttore di Unità Operativa Complessa di Medicina Legale e Gestione Integrata del Rischio e Responsabile dell’Area Sicurezza delle Cure dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico S.Orsola-Malpighi; Maria Pia Garavaglia, Presidente dell’Istituto Superiore di Studi Sanitari G. Cannarella e Vice Presidente del Comitato Nazionale di Bioetica; Antonio Gaudioso, Segretario generale di Cittadinanzaattiva; Maria Paola Landini, Direttrice Scientifica IRCCS Rizzoli; Donata Lenzi, esperta in questioni etiche e di terzo settore, già relatrice della Legge 219/2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”; Carlo Lusenti, Direttore Struttura Complessa di Urologia AUSL della Romagna – Cesena e Direttore Dipartimento Chirurgico e Grandi Traumi AUSL della Romagna – Cesena; Paolo Morello Marchese, Direttore Generale Azienda USL Toscana Centro; Walter Ricciardi, Professore Ordinario di Igiene e Direttore della Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva della Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità; Riccardo Tartaglia, Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente della Regione Toscana.